RAGAZZI IN PIAZZA DA NEW YORK A KABUL: LA PIÙ GRANDE PROTESTA DOPO IL ’68

DI CORRADINO MINEO

Ragazzi in piazza da New York a Kabul: è forse la più grande protesta generazionale dopo il 68. Ma il potere fa orecchie da mercante. Nel Caffè, ragioni e limiti di una protesta globale.

Ragazzi in piazza da New York a Kabul: è forse la più grande protesta generazionale dopo il 68. Ma il potere fa orecchie da mercante. Nel Caffè, ragioni e limiti di una protesta globale.

Pubblicato da Corradino Mineo su Sabato 21 settembre 2019