LE MAFIE, CON NOI, NON VINCERANNO MAI

DI SANDRO RUOTOLO

Vi voglio bene. La notizia la conoscete. Si è alzato il livello di protezione per me. Rispetto a quel 4 maggio del 2015, quando fu decisa la scorta dopo le minacce del boss Michele Zagaria, non è cambiato molto. E’ importante sentirvi solidali con me ma più in generale con i giornalisti che per il loro lavoro sono costretti ad essere protetti dallo Stato. Quando sarete liberi voi dalle mafie e dalla corruzione si ridurranno i rischi anche per noi. In tanti mi avete chiesto cosa fare? Ecco cosa fare. Dal mio punto di vista. In questo foto ci siamo io e Andrea. Stiamo preparando il prossimo reportage su Fanpage.it. La storia che si sviluppa a 80 chilometri dal nostro Paese, a Malta dove una giornalista doveva morire, ed è stata uccisa con un’autobomba. È la storia di Daphne Caruana Galizia. Questo per dirvi che le mafie non vinceranno mai con noi. Noi siamo e saremo sempre persone libere.