CHIACCHIERE DA BAR. L’OMINI DE NA VORTA

DI PAOLO VARESE

Mimmo e Peppe erano seduti al tavolino del bar, godendosi gli ultimi sprazzi di sole, con l’autunno che bussava ormai insistentemente alle porte del clima. Ad un tratto risuonarono le note di Bella senz’anima
“ahò, a Mi, te la ricordi sta canzone?”
“e come no? Eh, artri tempi, artri omini”
“in che senso?”
“eh, provace oggi a dì a na donna de sedesse su una seggiola e de ascrtà senza interompete”
“e senza rompete”
“anfatti…già che je dici siediti quella sa rivorta e te dice le peggio cose”
“e che so donne ora? tutte che dicono e parolacce, che fumeno”
“e no? Li mortacci, vorgarissime, che parono madonne, belle acchittate, e invece poi, scaricatori”
“appunto, canzoni come questa non hanno più senso”
“e che non ce lo so, anche quella de a Martini, quella scritta da Califano”
“ma che, a nevicata der..boh..tipo der 66”
“ma no, quella che faceva a casa mia quando vuoi vieni e te ne vai”
“ah si, bella, hai ragione, non ce so più quelle donne”
“che era tanto bello, te facevi na storia senza pathè d’animo, senza problemi, senza timore che poi quella chiamava tu moje”
“st’infame, appunto, mo provace, te ritrovi su feisbucche sputtanato”
“semo cambiati noi omini e so cambiate loro”
“si ma noi semo diventati fregnoni e loro invece rompipalle e vorgari”
“già, che poi le ragazzine, tutte tatuate, co quelle minigonne che se vede tutto”
“m’anfatti, ma come se fa, che s’era mi fija che usciva così sai li schiaffi”
“certo che arcune te lo tirano fuori er commento pesante”
“e te lo tirano si, quanno che vedi come se vestono capisci che je piace l’omo”
“e sennò che se mettevano nude, cor cule de fori”
“tutte mignotte”
“si ma fa che ce casca una de queste regazzine, poi vedi come me richiama”
“e a me no? Se me capita le faccio capì cosa è n’omo”
Ad un tratto squillò il telefono di Peppe
“si, ahò, cucciola de papà, dimme…si certo che poi uscì stasera, ma torna prima de mezzanotte…vabbè si jelo dico io a tu madre..ciao amore de papà…ciao”
“era tu fija?”
“si, deve uscì cor fidanzato stasera, capirai, un anno che stanno insieme, ma a lui je l’ho detto, guarda che questa è mi fija, je devi portà rispetto”
“hai fatto bene, che sti giovani non hanno rispetto delle nostre fije”
“anfatti, meno male che ce semo noi, omini de na vorta”