ATTENTATO ALLA SINAGOGA DI HALLE IN GERMANIA, DUE MORTI E UN FERITO

DI GIANLUCA CICINELLI

 

 

 

 

 

 

 

Due morti nella parte orientale della Germania in un attentato dinanzi alla sinagoga nel quartiere Paulus di Halle, la città principale della Sassonia-Anhalt, durante la celebrazione della ricorrenza ebraica dello Yom Kippur. Almeno due le vittime accertate a causa della sparatoria, a cui sarebbe seguito il lancio di una granata verso il cimitero ebraico limitrofo. L’allarme è ancora in corso e la polizia ha invitato i cittadini a non uscire di casa. Le forze dell’ordine danno la caccia ad almeno due persone, una delle quale, secondo un testimone oculare, indosserebbe abiti militari. I primi colpi di arma da fuoco hanno ucciso la prima persona a poche decine di metri dalla sinagoga, mentre il secondo morto sarebbe stato colpito davanti a una rivendita di Kebab poco distante. Un presunto terrorista è stato fermato mentre la polizia darebbe la caccia ad altri due uomini in fuga. La Sassonia è da sempre considerata un feudo dell’ultradestra filo nazista tedesca. Alle ultime elezioni regionali l’Afd, Alternative für Deutschland, partito euroscettico e di estrema destra ha raccolto il 27% dei consensi.

 

L’obiettivo del commando sarebbe stato quello di entrare all’interno della sinagoga al cui interno erano riunite almeno settanta persone, ma una volta fallito il piano si sarebbero dati alla fuga continuando a sparare per le strade. La polizia ha chiuso la stazione ferroviaria per impedire l’eventuale fuga degli assalitori con il treno. I primi testimoni stanno fornendo la descrizione di almeno uno degli uomini del commando vestito completamente di scuro, con un’uniforme da combattimento e un fucile mitragliatore in mano.

Secondo notizie ancora frammentarie una seconda sparatoria si sarebbe verificata circa un’ora dopo gli spari alla sinagoga a Landsberg, a circa 15 chilometri da Halle, tra le forze dell’ordine e alcuni sospettati per il primo attentato. In questo scontro a fuoco sarebbe rimasto ferito un tassista, secondo i testimoni trasportato poi via con l’elioambulanza.