DECRETO CLIMA: BONUS ROTTAMAZIONE PER AUTO E MOTORINI E GREEN CORNER NEI NEGOZI

DI CHIARA FARIGU
Un Sergio Costa a tutto tondo. In versione insolitamente euforico, visto il suo carattere schivo, sul suo profilo Facebook dove annuncia tutte le novità inserite nel Decreto Clima che domani approda in Consiglio dei Ministri.
Integrazioni aggiustamenti e limature si susseguono in queste ore frenetiche per definirne la stesura. Ma in linea di massima i provvedimenti principali inseriti, specifica il ministro, sono stati ampiamente condivisi da tutto il governo e serviranno a ‘contrastare l’emergenza climatica a 360 gradi.
Quali le novità?
Essenzialmente tre: 1) rottamazione di auto euro 3 e ciclomotori euro 2 e 3 in favore di abbonamenti per il trasporto pubblico e l’acquisto di biciclette normali o con pedalata assistita;
2) incentivi fino a 5000 euro per gli esercenti che attrezzano i cosiddetti ‘green corner’ (leggi prodotti sfusi o alla spina per prodotti alimentari e per l’igiene personale e della casa) per la riduzione degli imballaggi, soprattutto di plastica;
3) un programma di riforestazione urbana e campagne di informazione e di formazione ambientale nelle scuole.
Confermate anche le disposizioni a sostegno del trasporto scolastico sostenibile.
I fondi stanziati, 20 milioni per gli incentivi green per ciascuno degli anni 2020 e 2021, 225 milioni per la rottamazione di veicoli e motocicli. Fondi, questi ultimi destinati soprattutto ai cittadini che risiedono nelle aree più inquinate del Paese
Il decreto destina anche 40 milioni per la creazione, il prolungamento e l’ammodernamento di corsie preferenziali per il trasporto pubblico locale.
Un decreto in parte snellito e semplificato rispetto alla prima stesura iniziale. Gli articoli da 14 passano infatti a 11. Assente, al momento, la riduzione dei sussidi ambientali dannosi che finirà, pare, all’interno della Manovra.
‘Domani inizia un percorso che coinvolgerà tutto il Paese’, chiosa Costa