I CURDI TRADITI E LA NUOVA SPARTIZIONE DEL MONDO

DI ANTONIO CIPRIANI

Il tradimento dei curdi è cominciato anni fa. Prima di Trump, sotto i colpi della nuova alleanza tra Erdogan e Putin, nell’ambito di una nuova spartizione del mondo. Da che cosa debbono difendersi i popoli. “Quando vi racconteranno le prossime baggianate sulla Guerra all’Isis, o sulla necessità mediatica di andare a bombardare qualche paese in giro per il mondo per esportare la democrazia, tenete a mente questo che vi sto per dire. In nessun caso una guerra è stata fatta dall’Occidente per portare libertà o benessere o democrazia, ma sempre e solamente per l’interesse del Capitale e per il mantenimento geostrategico di un sistema che difenda il profitto di una piccola parte del mondo che sfrutta tutto il resto. Con le conseguenze, comunque, pagate in vite perdute da civili, uomini, donne, bambini sotto le bombe. Con milioni di esseri umani in fuga da luoghi devastati dalle guerre, schiavizzati dai dittatori fascisti fantocci, depredati dalle risorse e dalla possibilità di vivere nelle terre natie: i migranti che tanti ci spaventano insomma”… CONTINUA SU REMOCONTRO:

I curdi traditi e la nuova spartizione del mondo