AMADEUS SOGNA DA 35 ANNI IL FESTIVAL DI SANREMO. ORA, FINALMENTE E’ REALTÀ

DI TOTO TORRI

35 anni di sogno e per Amadeus tanta gavetta e attesa paziente, a 57 anni, finalmente una realtà. Fabrizio Salini Ad e Teresa De Santis, “direttora” di Raiuno gli inviano, a sorpresa un pacco regalo, una news e non fake news, ” Sei tu il conduttore e il direttore artistico del 70mo Festival. ” Amedeo Umberto, Rita Sebastiani, di Ravenna, genitori siciliani, non ci crede. Il pacco regalo gli arriva in vacanza, felice con moglie, la bella ballerina Giovanna Civitillo e Josè Alberto, di 10 anni, è in barca in un laghetto, e il bravissimo stacanovista dal sì facile, spinge i remi e sbarca, ‘acchiappa’ il telefonino e stavolta ci crede. Non sta nella pelle, quel vecchio sogno, con Rosario Fiorello, quando erano spiantati e speranzosi si avvera.
Amadeus, non è un raccomandato, esperienza di una gavetta non datata, arriva da Radio Deejay di Claudio Cecchetto, un maestro fondatore anche di Radio Capital, Disc jockey e scopritore di talenti. Per lui, oggi ci sono, Amadeus, Gerry Scotti, Fiorello, Jovanotti, gli 884, Luca Laurenti, Sabrina Salerno e tanti altri, che poi saranno famosi.
Amadeus merita Sanremo, soprattutto per il suo credo e la Rai nelle persone di Fabrizio Salini Ad e Teresa De Santis, direttore Raiuno, gli hanno consegnato fiduciosi, un fardello pesante, i 70 anni dell’evento festivaliero, che ferma da anni il nostro Paese e che ormai va in tutto il mondo. La Rai per dargli una bella mano, ha inviato Marco Liorni, forse il miglior prodotto sul mercato, che condurrà il Sanremo Giovani.
Fiore, suo amico ha avuto un’idea delle sue, desidera almeno per la prima sera, che siano tutti e tre sul palco, a “cazzeggiare,” come sanno fare Rosario e Jovanotti, liberi di muoversi di cantare e strafare artisticamente, Amadeus conduttore ufficiale e moderatore. Sarebbe una gag da ricordare.
Amadeus consacrato, sarà il padrone assoluto della Messa cantata della Rai. Mi sarei attenuto alla liturgia del passato. Invece, il nostro, ha rivoluzionato quanto si può, giurie, giurati, regolamento, sta facendo, un Sanremo targato Amadeus, bravo, è sicuro di se. Non si sa cosa avverrà poi, siamo appena al “comincio”, pensate ai prescelti Big, ai nostri grandi ospiti, a quelli stranieri, ai quali tiene in modo particolare, alle nostre prime donne. Quel che è certo, ci saranno Fiorello e Jovanotti, è già un grande momento artistico. Rosario Fiorello, venne invitato addirittura 35 anni fa, un record, quando giovani, squattrinati e speranzosi sognavano.
Ma, non vorremmo Amadeus cotto dall’euforia “sbroccasse” fra le già innumerevoli innovazioni fuori dalla liturgia festivaliera, ha azzerato o quasi il televoto, quello della gente che avrà una sola occasione la serata finale, insieme alle altre giurie e al cumulo dei voti ottenuti nel corso della kermesse. Quel pubblico numeroso, festivaliero – televisivo, proprio quello che lo ha reso famoso, avrebbe voluto più spazio nel famoso televoto, sono milioni di persone che lo votano per simpatia, per quella sua ironia un po’ “sempliciotta”, per questo molto gradita e per quelle sue giacche improbabili ma resta il re a “I soliti ignoti”, un programma consumato, ormai tutto scontato, con personaggi anonimi, che potrebbero funzionare, ma per regolamento sono muti e a dire il vero avrebbero dovuto mandare tutti a casa, invece hanno ragione loro a riproporlo.
E proprio la sua gente, che ha fatto la fortuna di Amadeus, viene pressoché azzerata e al Festival conta un due di coppe.
La rivoluzione, nelle prime due serate, si esibiranno dieci per sera i big in gara, giuria demoscopica, giovedì, orchestrali e vocalist, è la terza serata dove nelle passate edizioni si aveva un circuito a se, come uno special Sanremo, in questo Festival avranno invece il loro peso come le altre serate. I cantanti in gara dovranno esibirsi in un brano di una cover cantato nelle precedenti 69 edizioni e la performance, con i suoi voti, si sommeranno a quelli delle altre serate. Venerdì, le 20 canzoni del Festival, votate da stampa, tv, radio e web. Gran finale tutte le giurie, con il loro totale di voti, che saranno assommati al televoto, quel televoto che è stato sempre il decisionale in assoluto, non vorremo che in questa 70ma edizione, fosse un boomerang temibile e molto pericoloso.
t