CHIACCHIERE DA BAR. TARANTO E ALTRI DISASTRI

DI PAOLO VARESE

Mimmo spense la sigaretta sotto i suoi piedi, all’esterno del bar, mentre aspettava Peppe

“ahò, a Mimmè, perché n’hai buttato a sigaretta dentro er contenitore?”

“eh, se li mettono sempre lontani da me non è che io posso famme li kilometri pè spegnela”

“e ciai raggione, che poi nse capisce, se er bar sta qua perché er contenitore o mettono la?”

“manfatti, comunque vabbè, hai sentito de Taranto e l’acciaeria?”

“eh no? Ma dimme te, che siccome j’hanno torto o scudo fiscale questi mo lassano er paese, così ero bono pure io a fa er diriggente”

“ma è no scudo fiscale o penale?”

“boh, me pare fiscale ma tanto cambia poco perché sempre disonesti legali erano”

“manfatti, che co o scudo penale potevano inquinà e quindi guadagnavano illecitamente”

“eh, er paese dei furbi, mo ce metteno pure a tassa sulla plastica”

“eh si, vorrò dire che berremo dalle bottije de vetro”

“e pè le feste de compleanno? E pè li pic nic? E pè la robba che compramo da li cinesi?”

“c’hai raggione, sarà un probblema, che poi manco se capisce quanto sarà sta tassa”

“boh, io solo che è pè tutelà l’ambiente, e intanto io devo comprà l’acqua ne li boccioni, come na vorta”

“infami, che poi st’ambiente sporco ce o sanno solamente loro ndo stà”

“semo na nazione alla frutta, pure li cori contro Balotelli”

“eccerto, che poi sembra corpa sua se è nero”

“manfatti, se gioca bene che te frega der colore? Semo retrogard…retorgad….semo antichi”

“che poi dice che anche se c’ha la carta di identità non po’ esse italiano”

“e chissà a carta chi je la data, allora sti cinesi che c’hanno invaso che devomo di?”

“e, che poi questi io, a me, ma tu l’hai mai visto un funerale cinese?”

“no, perché? Come è?”

“e che ne so? Questi  non li fanno, non si sa chi more, e così semo invasi da ggente coi documenti che se li passano l’uno coll’altro, che c’e’ namico der fijo de la collega de mi moje che lavora in polizia e dice che quando more uno je cambiano la foto sur documento”

“ecco, e poi ce credo che semo pieni de cinesi e de li negozi loro”

“mah, io ormai non ce o so più chi semo noi italiani, na vorta eravamo tutti belli mori de capelli”

“ma se tu sei roscio”
“ma che c’entra, era pè fatte capì”

“ah si ho capito, e comunque se ce stanno tutta sta gente straniera è perché sti disonesti de politici ce pijano li sordi sopra”

“eh, manfatti, vabbè tornamo ar lavoro va, che ho lasciato er tesserino pè timbramme er rientro”

“si, pure io, annamo và, inutile fasse er sangue amaro pè sti banditi”