EUROPA LEAGUE, ROMA BEFFATA NEL FINALE. QUALIFICAZIONE A RISCHIO

DI TOMMASO FEDELE

Al Borussia Park termina 2-1 per il Gladbach, sconfitta maturata sul finale di gara. I tedeschi all’ultimo minuto riacciuffano i giallorossi a quota 5 punti in classifica. La squadra di Fonseca gioca male nel primo tempo e bene nel secondo ma non basta per strappare un pareggio. Buona personalità nella seconda frazione di gioco ma totalmente assente nel primo. Sarà la prossima trasferta in Turchia ad essere decisiva ai fini della qualificazione.

Il match si apre con tanto possesso palla sia da una parte che dall’altra. La Roma prova a far girare il pallone prendendosi anche la licenza di rischiare un po’ troppo con Pau Lopez. Dall’altra parte, la squadra di casa appena recuperato il pallone si proietta nella metà campo avversaria cercando spesso gli inserimenti di Zakaria, Wendt e Lainer. La prima sfuriata della partita è giallorossa, un’ottima sponda di Dzeko lancia Kluivert in corsa mettendolo a tu per tu contro Sommer che lo anticipa di un niente. Un paio di minuti dopo è ancora la Roma a spaventare il pubblico tedesco. Azione copia del gol giallorosso all’andata, Zaniolo gira il pallone di testa verso la porta sfiorando la traversa. La squadra allenata da Marco Rose non attende a rispondere alle due occasioni pericolose e così è Zakaria da fuori aria a sfornare un bel destro che scheggia la traversa. In un momento in cui la partita sembra essere spenta è Pastore ad illuminare il gioco. La qualità tecnica del Flaco lo porta a saltare tre difensori e a concludere in porta trovando i guantoni dell’estremo difensore svizzero. Al 34° però è il Borussia a passare in vantaggio. Thuram, sfruttando la sua fisicità, arriva fino a fondo campo mettendo in mezzo all’area un pallone innocuo, la mala comunicazioni della difesa capitolina porta Fazio ad intervenire e a spedire il pallone alle spalle di Pau Lopez. Fine primo tempo sul punteggio di 1-0.

Nel secondo tempo la Roma cambia il modo di giocare e dopo un primo momento di assestamento prova a trovare quasi subito la via del pareggio con Pastore. È ancora una volta Sommer a levare, con una parata plastica, la gioia del gol ai giallorossi. Al 63° la Roma raddrizza la partita. Dagli sviluppi di una punizione è Fazio a farsi perdonare l’errore nel primo tempo. Il Borussia dopo aver subito il gol del pareggio fatica ad uscire dalla sua metà campo, i giallorossi invece con personalità e voglia tentano di passare in vantaggio. Nella sterilità offensiva del secondo tempo tedesco, il Borussia al 94° trova il colpo di testa vincente di Thuram che riapre completamente il discorso qualificazione.