LAMORGESE METTA CON LE SPALLE AL MURO LA LIBIA

DI MARIO PIAZZA

Forse la ministra Lamorgese dovrebbe imparare a negoziare da Arcelors Mittal:

La controparte va messa con le spalle al muro quando si può, che si abbia ragione oppure torto non fa alcuna differenza, e una prebenda da 1 milione di Euro alla settimana è un solido argomento per costringere un presidente da operetta come Fayez al-Sarraj a sottostare alle nostre regole, subito e senza condizioni o tentennamenti.

E invece no, quelli che stanno con due piedi in una scarpa pronti a vedere un immaginario vantaggio anche nelle peggiori porcherie che si stanno consumando sotto i nostri occhi siamo noi. Vigliacchi, ipocriti ed immorali.

Noi tanto bravi a rendere il giusto omaggio alla senatrice Segre ma anche a foraggiare senza troppi scrupoli gli emuli di coloro che la perseguitarono.
E diciamolo che l’accordo con gli aguzzini libici in fondo ci piace, non perchè sia giusto ma perchè “Noi siamo noi, e gli Africani non sono un cazzo”.