PECORA ELETTRICA. BRUCIARE LIBRI E’ UN ATTO DI SQUADRISMO

DI STEFANO FASSINA

Ancora un attentato alla libreria la Pecora Elettrica, a Centocelle. Episodio inquietante che, in prossimità della riapertura, cerca di azzerare lo sforzo dei proprietari, del quartiere e di tante associazioni per far risorgere uno spazio letterario, culturale, antifascista, dalle ceneri dell’altro attentato del 25 aprile scorso. La libreria, simbolo del lavoro sul territorio di chi crede nella cultura come strumento principe dell’emancipazione e della democrazia, ha sperimentato in questi mesi la solidarietà di cittadini e associazioni. Bruciare libri è atto di squadrismo. Siamo a fianco dei proprietari e di tutti quelli che a Centocelle, nella Pecora Elettrica, hanno trovato presidio prezioso per soddisfare curiosità e fare ricerca attraverso lettura, dibattiti, iniziative. Confidiamo nel lavoro delle forze dell’ordine per avere presto identificati i responsabili dell’attentato. Rivolgeremo un’interrogazione alla ministra Lamorgese.