HONG KONG, PROTESTE E ORA SANGUE, FINO A QUANDO, FINO A COSA?

DI MICHELE MARSONET

Hong Kong: morto lo studente ferito in una caduta durante una delle manifestazioni di protesta. Junius Ho, deputato al parlamento di Hong Kong e leader, con la governatrice Carrie Lam, della fazione filo-cinese, è stato accoltellato al petto da un giovane indipendentista mentre parlava a un comizio. L’episodio avvicina il temuto intervento dell’Esercito Popolare di Liberazione. Di Maio «l’Italia non intende ingerirsi negli affari interni di altri Paesi», Hong Kong ‘affare interno’ della Repubblica Popolare. ANSA – Chow Tsz-lok, studente di 22 anni della Hong Kong è morto questa mattina per le gravi ferite alla testa riportate lunedì cadendo da un parcheggio vicino al quale c’era una protesta e dove la polizia era intervenuta coi lacrimogeni. E’ il primo caso di morte confermata per gli scontri tra dimostranti e polizia. Il tragico esito, reso noto dalla Hospital Authority, fa temere azioni più pesanti nel weekend… CONTINUA SU REMOCONTRO:

https://www.remocontro.it/2019/11/08/hong-kong-proteste-e-ora-sangue-fino-a-quando-fino-a-cosa/?fbclid=IwAR1ktENdHcLBHBfM2DRe_GKHY34WMV8NQAgLdzg-lJfsZjRirPpfqzzUUqo