PECORA ELETTRICA, BARAKA BISTROT DUE INCENDI DOLOSI. LA VIGLIACCHERIA DEGLI ARTEFICI

DI DAVIDE ENIA

Potrei scrivere mille cose sull’incendio di Pecora Elettrica e, ieri notte, di Baraka Bistrot (sì, altro incendio doloso) a Roma. Potrei addentrarmi in analisi e distinguo, osservazioni e riflessioni. Ma grazie a Dio sono di Palermo e una deriva senza fine l’ho già attraversata nella mia carne, nella mia coscienza, quando la mia Palermo era in guerra. Ed è stata una deriva così profonda da avermi fatto comprendere che tutti i ragionamenti del caso sono, alla fine, operazioni che si fanno soltanto per ritardare le uniche parole che ha senso pronunciare: «Avete rotto il cazzo». Bisogna metterci i corpi. Chi non reagisce, è colluso.
Avete rotto il cazzo, vigliacchi di merda.