AL FIANCO DI CHI SOFFRE DA VENEZIA A MATERA

DI GERARDO D’ AMICO

Al fianco di chi sta soffrendo, a Venezia e Matera, gioielli dell’Umanitá e delle decine di centri piccoli e grandi devastati dal dissesto idrogeologico.

Perché le avversità climatiche ci sono sempre state, e saranno sempre più violente per i cambiamenti climatici che stiamo provocando: ma la fragilità del nostro territorio è dovuta a speculazioni, interessi, incompetenza di chi deve gestire la sicurezza di boschi, laghi, fiumi.

Un enorme spreco di soldi, dal Mose, cinque miliardi buttati nella laguna, che ha funzionato solo a drenare mazzette, e poi il business dello spegnimento dei roghi, il business del rimboschimento, il business delle strade di cartapesta eccetera eccetera eccetera.

Da nord a sud, dove più dove meno.