UNA PALESTRA GRATIS A SCAMPIA. E LO SPORT VINCE IL DEGRADO

DI PATRIZIA ING.LASSANDRO

Scampia è un quartiere popolare napoletano tristemente noto per fatti di cronaca nera e non solo. Un quartiere dove i grandi palazzi grigi a gradoni, misteriosi, a volte sembrano quasi proteggere i propri abitanti. Ed è proprio in questo posto dove a fronte di migliaia di abitanti non vi sono cinema, centri commerciali e altre attività di svago che lo sport vince. Una rivalsa sulle attività malavitose. I giovani e i più piccoli partecipano entusiasti a questa attività sportiva proposta anche gratuitamente per chi non può permettersela. Lo sport con le sue regole diviene rivincita e rivalsa sociale. Tutti si impegnano al massimo sia perché si trovano a proprio agio con i compagni sia perché sperano di poter partecipare alle gare olimpiche del Coni. Questo grazie a un uomo che ha creduto nelle potenzialità di un quartiere dove qualche volte ci si può sentire abbandonati, dove è difficile fare o realizzare i propri sogni senza alcun mezzo con cui partire.

In tutto ciò ci ha creduto fortemente Giovanni Maddaloni, Maestro e padre dei campioni Pino, oro a Sydney nel 2000 e oggi tecnico della nazionale , Laura,13 volte campionessa d’Italia e Marco, due volte campione europeo. Lui stesso ha dichiarato al pubblico di essere stato salvato dallo sport da una vita che altrimenti sarebbe stata rovinata dai riti di iniziazione della camorra napoletana. Aperta nel 2005 , la palestra ha accolto migliaia di giovani ed ancora oggi dopo quasi 14 anni di attività continua a far parlare di sé e di chi altrimenti sarebbe invisibile per la nostra società. Una storia bella che merita di essere letta e condivisa anche solo per poter dire a questi ragazzi “forza campioni”.