EURO 2020: AZZURRI ESAGERATI, 9 GOL ALL’ARMENIA. MANCINI ALTRO RECORD

di VANNI PUZZOLO

L’Italia, nell’ultima partita di qualificazione per Euro 2020, fa 10 su 10, un record mai fatto da nessun altro prima, Mancini centra la decima vittoria del 2019, altro record, e finisce a punteggio pieno e con 37 reti fatte, eguagliando l’Inghilterra, che però ha un girone con una squadra in meno, e superando il Belgio a quota 34, ma che domani giocherà la sua ultima gara.
Sempre parlando di record, l’unico risultato così eclatante fu fatto con gli Stati Uniti (9-0) ma negli anni quaranta.

In rete Immobile, doppietta, Zaniolo, esordio e doppietta pure lui, poi Barella, Jorginho, implacabile su rigore, Chiesa che dopo due pali e un assist mette a segno il suo primo gol azzurro, Orsolini, pure lui esordio con gol, e Romagnoli.

Sfortunato Meret che appena entrato a sostituire Sirigu, che era stato salvato nel primo tempo dalla traversa, ha dovuto subire un gol imparabile con un tiro da lontano di Babayan , che è risultato poi il gol della bandiera per i malcapitati armeni.

Mancini aveva cambiato,7/11 rispetto alla vittoriosa partita in Bosnia, ma si può dire tranquillamente che cambiano gli uomini ma non i risultati.
Dopo 29 minuti già 4-0 e due pali, insomma un vero e proprio arrembaggio verso il quale nulla ha potuto la squadra armena, che lamentava anche diverse assenze.

Ora, in attesa del sorteggio, che verrà effettuato il 30 di questo mese, a Bucarest, certo comunque che sarà la nostra Nazionale ad inaugurare a Roma il 12 Giugno, in questi nuovi e innovativi Europei itineranti, si può tranquillamente affermare che la nostra Nazionale potrà’ aspettare con serenità e consapevolezza l’esito dello stesso.

Al di là di un girone abbastanza scontato, con formazioni di seconda e terza fascia, colpisce comunque il gioco spettacolare degli azzurri, la propensione ad attaccare e a segnare, cosa inconsueta per i nostri colori, la grande caparbietà nel pressare e recuperare subito palla, e l’entusiasmo di tutti coloro che vengono chiamati in causa.

Ora Mancini dovrà solo fare delle scelte, sicuramente sofferte, qualcuno dovrà rimanere a casa, e non sarà facile, rimangono da assegnare 3/4 posti e la lotta risulta serrata.