REGGIO CALABRIA. OPERAZIONE ‘MONOPOLI’ ARRESTATI 4 IMPRENDITORI

DI MARINA POMANTE

Dalle prime ore della mattina a Reggio Calabria è scattata una nuova operazione da parte delle Forze dell’Ordine, in collaborazione della Guardia di Finanza, dei Carabinieri e della Dia, con il coordinamento della Dda, diretta dal Procuratore della Repubblica, Giovanni Bombardieri, per l’esecuzione di un provvedimento di sequestro di beni mobili ed immobili per un valore di duecento milioni di euro riconducibili a quattro imprenditori reggini.
Per gli imprenditori è scattato il provvedimento di sequestro e sono indiziati di appartenenza o contiguità alle più importanti cosche di ‘ndrangheta di Reggio Calabria.

Già noti alle Forze dell’Ordine che hanno arrestato nell’aprile del 2018 i quattro imprenditori di Reggio Calabria e oggi sono di nuovo indagati dalla Guardia di Finanza, carabinieri e Dia.
Gli imprenditori, indicati come contigui alle più importanti cosche di ‘ndrangheta della città, furono coinvolti allora nell’operazione denominata “Monopoli” con l’accusa di associazione per delinquere di tipo mafioso, intestazione fittizia di beni ed autoriciclaggio. Alle 10 di questa mattina è stata programmata una Conferenza Stampa negli uffici della Procura della Repubblica di Reggio Calabria, dove verranno illustrati i particolari dell’operazione che ha portato al sequestro dei beni.