LA MANOVRA PRESENTATA E CON GLI EMENDAMENTI BOCCIATA

DI SERGIO DI CORI

Premetto che non conosco l’iter parlamentare del dibattito in uso in tutti i 27 paesi della Ue.
A naso (e ogni smentita sarà ben accetta) azzardo una ipotesi, per non dire che scommetto decisamente su un punto:
ho l’idea che l’Italia sia l’unica nazione d’Europa nella quale i ministri in carica, a nome del governo, firmano una manovra economica, e dopo averla presentata in conferenza stampa con enfasi auto-celebrativa, salutano giornalisti e pubblico per correre in parlamento dove presentano una marea di emendamenti che bocciano la stessa manovra che loro stessi hanno firmato al mattino presentandola ufficialmente al paese.
Vorrei avere torto marcio, e me lo auguro e lo auguro al paese.

Temo che non sia così.

1350 emendamenti a firma PD
743 emendamenti a firma M5s
374 emendamenti a frima Leu

dati ufficiali, scritto nero su bianco.
In tutti e tre i casi, gran parte degli emendamenti recano la firma di coloro che hanno redatto la legge di bilancio.

Poi, osiamo pretendere di essere presi sul serio.
Ma dico………………