SCANDALO NAVY SEAL, GLI AMMAZZA BIN LADEN TRA CADAVERI E MEDAGLIE

DI ENNIO REMONDINO

Il Pentagono silura il segretario della Marina che aveva criticato la decisione di Trump di bloccare espulsione del Navy Seal Gallagher che si era esibito accanto ai cadaveri di nemici uccisi. Il licenziamento via twitter, ma i problemi in casa Navy Seal restano. Il capo del Pentagono Mark Esper ha chiesto le dimissioni del segretario della Marina Richard Spencer per come ha gestito con la Casa Bianca il caso del Navy Seal accusato di crimini di guerra. Si tratta del procedimento disciplinare che poteva far perdere lo status di Navy Seal a Edward Gallagher, condannato da una corte marziale per aver posato con il cadavere di un militante dell’Isis, assolto per mancanza di prove dall’accusa di averlo ucciso e di aver sparato su civili disarmati. Dopo la condanna Edward Gallagher era stato degradato e gli era stato decurtato lo stipendio… CONTINUA SU REMOCONTRO:

Scandalo Navy Seal, gli ammazza Bin Laden tra cadaveri e medaglie