OTTOMILA SARDINE INVADONO GENOVA

DI PATRIZIA ING.LASSANDRO

Sono ottomila le persone in piazza De Ferrari a Genova per dire no alle politiche dell’odio e della discriminazione. Centinaia di sardine di carta sventolate da tanti ragazzi che cantano “Bella ciao” e l’inno di Mameli.

Molti gli striscioni polemici nei confronti della Lega di Salvini: “Genova non si Lega”, “Più voi stringerete il nodo, più noi ci slegheremo”, “Genova non abbocca”. Gli organizzatori dal palco chiedono più serietà alla politica: «Busseremo alle porte dei partiti per farci sentire, basta con le politiche di odio e discriminazione». L’evento ha riscosso enorme successo anche sui social.
Tutto questo alla vigilia del Friday for Future. Domani, alle 14.30, nella sala Quadrivium si terrà una conferenza sui rapporti tra consumismo e cambiamenti climatici, con importanti docenti dell’università. In piazza Matteotti è invece prevista alla stessa ora il presidio dei rappresentanti del movimento.