ENI ALUKO LASCIA LA JUVENTUS

DI PATRIZIA ING.LASSANDRO

Eniola Aluko, attaccante della Juventus, con rammarico abbandona la sua squadra e afferma decisa: “Contro la Fiorentina la mia ultima gara in bianconero. Orgogliosa di aver vinto tanto, ma l’Italia è un paio di decenni indietro sul tema dell’integrazione”
Un addio che ha il sapore amaro dopo una stagione e mezzo in cui l’atleta nigeriana naturalizzata britannica, ha conquistato il tricolore, la Coppa Italia e la Supercoppa nazionale.
Stando a quanto da lei stessa dichiarato l’Italia dovrebbe essere più inclusiva. Arrivata nell’estate del 2018 con progetti importanti e dopo aver vinto un titolo di campionato, la coppa nazionale e la Supercoppa, al di fuori del campo di gioco la battaglia contro il razzismo sembra essere veramente difficile e triste. La calciatrice, difetti, afferma : “A volte Torino sembra un paio di decenni indietro sul tema integrazione. Sono stanca di entrare nei negozi e avere la sensazione che il titolare si aspetti che io rubi qualcosa. Tante volte arrivi all’aeroporto e i cani antidroga ti fiutano come se fossi Pablo Escobar. Mai avuto episodi di razzismo dai tifosi della Juventus né tanto meno nel campionato di calcio femminile, ma il tema in Italia e nel calcio italiano c’è ed è la risposta a questo che veramente mi preoccupa, dai presidenti ai tifosi del calcio maschile che lo vedono come parte della cultura del tifo. Tra oggi e Natale lavorerò per Amazon seguendo le partite della Premier League, della WSL e facendo altre cose eccitanti come finire il mio libro. Molte persone vedono la fine dell’anno come un momento di riflessione e quindi per fare piani e fissare obiettivi per il futuro, e sicuramente lo farò anche io. Dopo 18 mesi il capitolo si sta chiudendo, in una lunga carriera. Tornerò a casa, dove tutto è iniziato, e ancora una volta sono entusiasta di ciò che il futuro ha in serbo”.