MALTA, IL PREMIER NON MOLLA E DEI MAFIOSI MINACCIANO LA STAMPA

DI ENNIO REMONDINO

Muscat prende tempo. Attenderà la chiusura caso Caruana. Lo sostiene una nota del governo che smentisce (dopo sette ore di infuocata discussione) le spaccature di cui avevano ampiamente parlato i media maltesi. Il premier maltese John Muscat non si dimette. Governo travolto dalle indagini sull’omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia, ma il primo ministro, al termine di una travagliata riunione di governo durata sette ore, ieri sera in conferenza stampa ha annunciato che intende rimanere in carica, “fino alla conclusione dell’indagine” sull’omicidio della giornalista. In precedenza -ricordiamo- erano già saltate le teste del capo di gabinetto del premier, Keith Schembri, e del ministro del Turismo, entrambi citati nelle dichiarazioni del presunto mandante dell’assassinio, il re dei casinò Yorgen Fenech… CONTINUA SU REMOCONTRO:

Malta, il premier non molla e dei mafiosi minacciano la stampa