LA LAZIO VOLA. BATTE L’UDINESE E SI CONFERMA AL TERZO POSTO

DI SONIA CAVICCHIA

Troppo forte questa Lazio per l’Udinese attuale. E così, all’Olimpico, finisce 3 a 0 per i biancocelesti con doppietta di Immobile e gol di Luis Alberto. Sesta vittoria consecutiva per i romani, e Immobile sempre più in alto nella classifica marcatori, che affianca Rocchi nella top five dei goleador della Lazio di tutti i tempi, con 105 reti, tre in meno di Bruno Giordano, lontano ma non troppo da Piola, Signori e Chinaglia.

Poi si può anche discutere dei due rigori assegnati ai biancocelesti, netti anche se ingenui, sul diablo Correa, diventato ormai un punto di riferimento per la squadra di Inzaghi con le sue serpentine che ubriacano gli avversari. Si può discutere che con un Lazio in forma smagliante come quella attuale  è impossibile uscire indenni dall’Olimpico. Ma è chiaro che il tre a zero finale , frutto di un primo tempo scoppiettante, è merito di Inzaghi che ha motivato di nuovo i suoi uomini migliori, proprio come due anni fa. Uomini di nuovo sugli scudi,  dunque, come Milinkovic Savic, Luis Alberto, l’insostituibile Immobile, a cui vanno ad aggiungersi Lazzari e appunto Correa. Inoltre, Lucas Leiva è un metronomo perfetto e Acerbi, un innesto difensivo  da leccarsi i baffi.

Finora la Lazio in campionato ha sbagliato solo la partita di Ferrara, per eccesso di sicurezza. E ,in Europa League,  quella di Cluj , più le due contro il Celtic. Ed è forse la qualificazione ai sedicesimi,  il rammarico più grande di questo inzio di stagione. Una qualificazione ormai sfuggita, salvo miracoli e a cui peraltro  è giusto aggrapparsi, schierando la formazione migliore contro il Rennes per provare almeno a vincerla ,quella partita, in attesa del risultato della sfida Cluj- Celtic.

Certo, se gli uomini di Inzaghi continuassero con questi ritmi , i tifosi biancocelesti si toglierebbero belle soddisfazioni. Intanto il terzo posto, A CUI NESSUNO CREDEVA AD AGOSTO,  è sempre più saldo, la champions non è più un miraggio. Sulle reali possibilità dei  biancocelesti, sapremo qualcosa di più già nella prossima giornata, nella sfida al vertice contro la Juve. Fondamentale è non perdere la concentrazione ed evitare di credersi davvero imbattibili.