DOPO TANTA ANTIPOLITICA E POPULISMO, LA POLITICA ITALIANA DA CHI DOVREBBE ESSERE FINANZIATA?

DI ENRICO ROSSI

Essere sottoposti ad una verifica di legalità per chi fa politica è normale. È inutile gridare contro la magistratura. È sbagliato strumentalizzare le inchieste nella lotta politica.
Ma c’è una domanda di fondo a cui la politica deve dare una risposta per salvare la democrazia.
Letta ha abolito il finanziamento pubblico nel 2013.
La cosiddetta legge “spazzacorrotti” del 2019 ha abolito sostanzialmente il finanziamento privato.
Dopo tanta antipolitica e populismo, la politica in Italia da chi dovrebbe essere finanziata?
Di questo passo solo i ricchi miliardi potranno fare politica; come in Italia ha fatto Berlusconi e come negli USA fanno oggi Trump e Bloomberg; oppure i politici saranno estratti a sorte, come propone quel genio di Grillo, asse fondamentale della nuova strategia politica in Italia.
La Costituzione italiana dice cose diverse. Il Parlamento deve dare risposte.