QUANDO RIVOLGI UNA DOMANDA SUL MES, E PER RISPOSTA RICEVI UN «BACIONE»

DI LEONARDO CECCHI

Roma. Un giornalista si avvicina a Salvini. Gli chiede del MES, che cosa intende fare. Lui e la Lega.

Salvini si gasa e parte. Imposta il tono di voce su “solenne” e dice che andrà in piazza per spiegare, per ascoltare. Per raccogliere firme. Perché, continua, del MES secondo lui si è parlato troppo poco. E qui invece serviva un dibattito approfondito. Approfonditissimo.

Allora il giornalista, candidamente, gli fa una domanda: “Scusi parliamone adesso del MES. Ad esempio che cosa sono le clausole Cacs in esso contenute?” Salvini si blocca. Lo guarda. Dal solenne è passato all’imbarazzato in un secondo. Ci pensa un attimo. Poi il colpo di genio: sorride al giornalista e gli fa: “Amico mio….eh….smack!”. Manda un bacione alla telecamera. E se ne va a passo sostenuto.

Ecco, se qualcuno si stesse ancora facendo domande sulla fondatezza delle polemiche della destra sul MES, in questo episodio potrà dunque trovare la risposta. Quella definitiva.