UNGHERIA, KULTURKAMPF DI ORBAN, TORNA LA CULTURA DI STATO

DI ENNIO REMONDINO

«Consiglio nazionale della cultura per governare guidare dirigere la vita culturale magiara secondo i suoi criteri strategici». Legge museruola di tragici richiami staliniani : il premier nominerà i direttore di tutti i teatri. Viktor Orbán, l´autocrate sovranista ungherese risponde alla pesante sconfitta nelle recenti elezioni municipali (Budapest e altre 10 città ora governate da sindaci europeisti democratici), con la provocazione. L’Országház, il parlamento ungherese dominato dalla Fidesz, il partito-Stato del premier, ha approvato la legge che conferisce al capo del governo in persona il potere di nominare o licenziare la direzione di ogni teatro nel Paese e istituisce un consiglio statale della cultura per orientare la cultura secondo ‘idee nazionali’, quelle di Orban e del suo partito personale. ‘Kulturkampf’… CONTINUA SU REMOCONTRO:

Ungheria, ‘Kulturkampf’ di Orban, torna la Cultura di Stato