RUSSIA 20° CAPODANNO CON PUTIN TRA CELEBRAZIONI PROTESTE E ARRESTI

DI ENNIO REMONDINO

Da Mosca a Kazan la polizia interviene duramente per fermare mobilitazioni e proteste assolutamente legittime e civili. L’autoritarismo della repressione figlio di una eredità politica da superare. Diciamo subito che Yurii Colombo (il nome di battesimo già qualcosa dice), Mosca la vive con amore e che il Manifesto su cui scrive,  è quotidiano insospettabile rispetto alla patria del ‘socialismo realizzato’ inciampato nella storia alla fine del secolo scorso. Ieri abbiamo cercato di raccontare i 20 anni di potere quasi assoluto di Vladimir Putin, oggi la cronaca del suo ventesimo capodanno ai vertici dello Stato, avendo anche noi nel cuore una considerazione attribuita allo stesso Putin, uomo certamente acuto … CONTINUA SU REMOCONTRO:

Russia 20° Capodanno con Putin tra celebrazioni proteste e arresti