GLI AFORISMI DI GRATTERI IN CINQUE MINUTI A DI MARTEDÌ

DI MARINA NERI

” Trent’anni fa era il mafioso ad andare dal politico oggi è il politico a cercare lo ‘ndranghitista”

“Il Politico lo vediamo sul territorio qualche mese prima delle elezioni, il boss è sul territorio 365 giorni l’anno”

“Un capomafia della Piana di Gioia Tauro disse:- destra, sinistra, tutti da qui devono passare- ”

“Lo Stato non dà le risposte. La ‘ndrangheta a modo suo dà risposte”

Così parlò Nicola Gratteri.
Cinque minuti. Non più di cinque minuti ieri sera di presenza, quasi alla fine della trasmissione “Di Martedì”, per il Procuratore della Repubblica di Catanzaro.

Glisso sulle osservazioni che sorgono spontanee di metodo e merito giornalistico.

Sono state estrapolate quelle frasi dal discorso di Gratteri, aforismi sulla ‘ndrangheta, amari tanto più quanto si ha la consapevolezza che siano veri e attualissimi.

La genuflessione della politica ai boss, l’asservimento della classe dirigente ai diktat del potere malato, lo spostamento indefesso di interi pacchetti di voti non allo spirare del vento delle ideologie ma al mutamento dei centri di interesse.

La politica che cerca la ‘ndrangheta. Poi ne diviene correa, poi succube, infine, per osmosi , diviene mafia essa stessa e il discrimen non è più rinvenibile.

In Calabria il 26 gennaio si vota per il rinnovo del Consiglio Regionale, conosciuto dai cittadini calabresi come ” casta”, perpetuatio di un potere che fino ad oggi ha logorato solo chi non ce l’ha.

Solo un rinnovamento radicale del tessuto socio culturale e un voto libero e consapevole farà sì che quelle di Gratteri : ” Studiate, riprendetevi gli spazi, fotteteli ! ” non rimangano, ancora una volta, effimere words in the wind.