LE NOTIZIE DEL GIORNO mercoledi 8 gennaio 2020

DI CHIARA FARIGU

LIBIA, incontro Conte-Haftar a Palazzo Chigi. E’ in corso a Palazzo Chigi un incontro tra il premier Giuseppe Conte ed il generale Khalifa Haftar. Alle 18.30 è poi atteso il capo del governo di accordo nazionale libico Fayez Serraj, reduce da una visita a Bruxelles.

 

ATTACCO IRAN infiamma i prezzi del petrolio. Prezzi del petrolio in netto rialzo dopo il lancio da parte dell’Iran di un attacco missilistico contro le forze americane in Iraq in segno di rappresaglia per l’uccisione del generale Soleimani. Subito dopo la notizia, sui mercati asiatici le quotazioni del Brent sono aumentate del 3,6 per cento superando quota 70,50 dollari, prima di ripiegare intorno a quota 69 dollari (pari a un incremento di circa l’1% sulla seduta precedente). Rialzo anche per il WTI che in pochi minuti è risalito da 62,70 a 64,20 dollari mentre al momento viene scambiato a 63,20 dollari il barile.

 

IRAN lancia attacco agli Usa, colpite basi in Iraq. I media parlano di 80 morti. Con una pioggia di missili è scattata nella notte l’offensiva iraniana contro le forze Usa in Iraq, in risposta all’uccisione del generale Qassem Soleimani. “L’Iran ha lanciato più di una dozzina di missili balistici contro le forze militari statunitensi e di coalizione in Iraq” ha comunicato il Pentagono. I missili “hanno preso di mira almeno due basi militari irachene che ospitano il personale militare degli Stati Uniti e della coalizione ad Al-Assad e Irbil”. Secondo la televisione iraniana gli attacchi hanno provocato 80 morti. Stando all’emittente di Teheran sono stati lanciati 15 missili e nessun missile è stato intercettato. I militari italiani in Iraq, a Baghdad e a Erbil, “sono tutti al sicuro”. Lo dicono all’Adnkronos fonti nella capitale irachena. I militari italiani, presenti tra le forze nella base di Erbil, sono rimasti illesi. Dopo il raid Usa in Iraq che ha provocato la morte del generale iraniano Qassem Soleimani, erano state innalzate le misure di sicurezza per le forze impegnate nella coalizione internazionale. Proprio in questa ottica ieri era avvenuta una parziale ridislocazione dei militari italiani al di fuori di Baghdad.

LIBIA,Di Maio: ‘Tavolo con Turchia e Russia, obiettivo pace.Credo che la questione libica abbia un problema più grande che è l’interferenza in generale. Questa è diventata una proxy war in cui ci sono un sacco di Paesi che interferiscono. Il nostro obiettivo è raggiungere la pace. Per riuscirci serve un cessate il fuoco, serve immediatamente una data della conferenza di Berlino’. Lo ha detto il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, a Istanbul per l’incontro con il capo della diplomazia turca, Mevlut Cavusoglu. Si tratta del primo contatto tra Ankara e Roma dopo il voto del Parlamento turco del 2 gennaio scorso che ha dato il via libera al dispiegamento di truppe a sostegno del governo di Tripoli, contestato dall’Italia che teme un’ulteriore escalation del conflitto e continua a lavorare per una soluzione politica della crisi. ‘La Libia ci interessa più di tutti gli altri Paesi perché è a poche centinaia di chilometri dalle nostre coste” e nel Paese nordafricano “oggi non c’è solo un problema migrazione ma c’è un rischio terrorismo perché l’instabilità crea terrorismo“, ha evidenziato Di Maio, che ha poi spiegato: “Siamo d’accordo ad aprire un tavolo tecnico con la Turchia e anche con la Russia perché in questo momento partner come gli Stati Uniti e Paesi importanti come la Russia, l’Egitto, la Turchia sono fondamentali per trovare una soluzione alla crisi libica. E’ importante coltivare un rapporto con tutti i soggetti che possono avere un’influenza nella questione libica e quindi trovare una soluzione tutti quanti insieme’
IRAN: aereo ucraino precipita dopo il decollo, 176 i morti. A Teheran una sciagura aerea si aggiunge alla crisi tra Iran e Usa. Un Boeing 737 delle linee aeree ucraine si è schiantato poco dopo il decollo dall’aeroporto di Teheran. Era diretto a Kiev e a bordo, secondo fonti iraniane, aveva 168 passeggeri e 9 persone di equipaggio. Tutte morte le 177 persone a bordo. La maggior parte delle vittime sono di nazionalità iraniana ma ci sono anche stranieri, tra cui molti ucraini. Il presidente ucraino Zelensky ha annullato la visita in Oman per seguire direttamente la vicenda. Il disastro è avvenuto poco dopo il lancio di una pioggia di missili iraniani su due basi irachene che ospitano truppe americane e non è ancora chiaro se ci siano legami con la crisi in corso. L’aereo si è schiantato poco dopo il decollo dall’aeroporto internazionale Imam Khomeini “per problemi tecnici”, ha fatto sapere il portavoce dell’autorità aeroportuali all’agenzia iraniana Fars.
SOMALIA, esplode un’autobomba vicino al Parlamento: 4 morti.Almeno 4 persone sono morte e altre 10 sono rimaste ferite in seguito all’esplosione di un’auto bomba vicino a un posto di blocco nell’area del Parlamento a Mogadiscio
ASSOCIAZIONE ARMATA PER TRAFFICO DI DROGA, nuovo arresto per Fabietti. Quattro pregiudicati italiani e uno albanese e sono stati arrestati in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Roma per associazione armata finalizzata al traffico transnazionale di sostanze stupefacenti, detenzione e porto di armi alterate e ricettazione. Il blitz, condotto dagli agenti della squadra mobile di Roma, denominato ‘operazione ‘Aquila Nera 2018’, è scattato questa mattina. In manette è finito anche Fabrizio Fabietti, 42 anni, già arrestato nel corso dell’operazione Raccordo Criminale contro un’organizzazione dedita al narcotraffico capeggiata secondo gli inquirenti dallo stesso Fabietti e da Fabrizio Piscitelli alias Diabolik.
BORGO LEOPARDI (FERMO),incendio in casa, muore una bambina. Una bambina è morta nell’incendio divampato in un appartamento in una palazzina di due piani a Borgo Leopardi, in provincia di Fermo. Nella notte sono intervenuti i vigili fuoco che hanno spento le fiamme e trovato la piccola ormai senza vita. Salvi la mamma e l’altro figlio, che erano nella casa al momento del rogo.
DECRETI SICUREZZA,  Salvini risponde a Zingaretti.Il Pd vuole modificare i decreti sicurezza, togliendo poteri a sindaci e forze dell’ordine, e facendo ripartire il business legato all’immigrazione clandestina? Ci provi, la Lega è pronta a raccogliere un milione di firme degli italiani per indire un referendum su sicurezza e immigrazione’. Lo dice Matteo Salvini commentando su twitter le parole pronunciate a Otto e mezzo su La7 dal segretario del Pd, Nicola Zingaretti, secondo cui “i decreti Salvini si cambiano, come ha già annunciato la ministra dell’Interno Lamorgese, a gennaio”. “In Italia si arriva se si ha il permesso e il diritto di arrivare. Punto”, aggiunge il leader leghista.
MILANO, annega in piscina a Milano. Stava facendo un corso di nuoto, vani i soccorsi. Era il suo appuntamento fisso del martedì. Dalle 14.30 alle 15.30, assieme a un’altra decina di ospiti della comunità per disabili, frequentava un corso di nuoto nella piscina comunale di Milano, in via Lamennais, nel quartiere di Quarto Cagnino. La lezione era a metà quando il 32enne Davide Duma, orfano e affidato a un amministratore di sostegno del Comune, si è allontanato dal gruppo finendo in un punto dove l’acqua era più profonda. Sono bastati pochi secondi,ha iniziato a bere ed è sparito sott’acqua. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, un’istruttrice della comunità è intervenuta praticamente subito ma Duma aveva già i polmoni pieni e quando è stato portato all’asciutto era in arresto cardiaco. I paramedici sono riusciti a rianimarlo sul posto anche grazie all’uso di un defibrillatore, ma al suo arrivo all’ospedale San Carlo le condizioni erano disperate. Attorno alle 17.30 è stato dichiarato il decesso.
ALITALIA, Battisti: “Nostra offerta chiara con condizioni. Tempi salvataggio molto stringenti”. Il destino di Alitalia resta ancora incerto. In attesa dell’audizione in giornata, del ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli in Commissione Trasporti, l’Amministratore Delegato di Ferrovie, Gianfranco Battisti, spiega che “il 31 ottobre Fs ha presentato una proposta di offerta di acquisto dei rami di azienda di Alitalia, una offerta condizionata ad alcune condizioni che noi ritenevamo imprescindibili quali, ad esempio, che ci fossero delle risultanze soddisfacenti per le due diligence relative a ogni singolo aspetto dell’operazione, all’individuazione di uno o più investitori perché noi non avevamo intenzione di prendere la maggioranza dell’operazione e che ci fosse un primario vettore aeronautico che per know how potesse garantire un pieno rilancio della compagnia”. E aggiunge: Come Fs “non siamo stati coinvolti nella nuova procedura” di salvataggio di Alitalia, ma “nel caso siamo disponibili a sentire che cosa possono volere”, per dare un contributo “dal punto di vista della nostra esperienza”. Battisti prosegue dicendo che ancora non abbiamo sentito Giuseppe Leogrande: “Non conosciamo di fatto il piano e i contenuti che il nuovo commissario vuole mettere in campo non abbiamo avuto la possibilità di sentirlo e non sappiamo se ciò accadrà”.
CALABRIA, sfruttavano e prostituivano migranti, diversi arresti nel Reggino. Una vasta operazione dei carabinieri di Reggio Calabria, coordinata dalla Procura di Palmi, ha portato all’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare a carico di numerose persone ritenute responsabili, a vario titolo, di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. L’inchiesta ha colpito una rete di caporali, composta da cittadini extracomunitari di origine centrafricana all’epoca dei fatti domiciliati nella baraccopoli di San Ferdinando e a Rosarno, i quali, in concorso con i titolari di aziende agricole e cooperative del settore della raccolta e della vendita di agrumi nella Piana di Gioia Tauro, erano dediti alle attività di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro ai danni di braccianti agricoli extracomunitari, a anche al favoreggiamento e lo sfruttamento della prostituzione di donne africane. 
PAPA FRANCESCO:Accogliere i naufraghi che approdano sulle nostre coste’. ‘Chiediamo oggi al Signore di aiutarci a vivere ogni prova sostenuti dall’energia della fede; e ad essere sensibili ai tanti naufraghi della storia che approdano esausti sulle nostre coste, perché anche noi sappiamo accoglierli con quell’amore fraterno che viene dall’incontro con Gesù. È questo che salva dal gelo dell’indifferenza e della disumanità’. Così papa Francesco ha concluso la sua catechesi nell’udienza generale, dedicata anche oggi al libro degli Atti degli Apostoli e alla figura di San Paolo
TAGLIO DEI PARLAMENTARI:  scade il 12 gennaio il termine per depositare le firme per il referendum. Saranno consegnate venerdì alla Corte di Cassazione le 64 firme dei senatori raccolte per la richiesta del referendum confermativo sul taglio dei parlamentari. A farlo sarà il partito radicale alle 10:30. Il termine ultimo per presentarle scade il 12 gennaio. Successivamente è prevista una conferenza stampa alla quale saranno presenti il segretario e il tesoriere dei Radicali Maurizio Turco e Irene Testa, oltre a parlamentari, cittadini e militanti. La Cassazione avrà quindi un mese di tempo per verificare le firme, poi la palla passerà al governo che entro due mesi dovrà indire il referendum, in cui non è previsto il quorum. I 64 senatori chiedono che il taglio dei parlamentari, fortemente voluto dal Movimento 5 Stelle, venga votato dalla popolazione. La legge, approvata il 10 ottobre, ridurrà i deputati da 630 a 400 e i senatori da 315 a 200.
CAPIGRUPPO M5STELLE: “L’85% dei parlamentari è in regola con la restituzione dello stipendio”. “L’85% dei parlamentari del Movimento è in regola con la restituzione dello stipendio ai cittadini”. Lo hanno comunicato i capigruppo M5s di Camera e Senato, Davide Crippa e Gianluca Perilli, ricordando che da inizio legislatura sono stati restituiti più di 13 milioni di euro. Inoltre i capigruppo hanno annunciato che “nelle prossime ore partono, come da Statuto, i procedimenti dei probiviri per chi non è in regola”. “Gli oltre 13 milioni di euro restituiti sono stati utilizzati per aiutare i cittadini e le piccole e medie imprese, con iniziative riguardanti sanità, scuola, alluvionati, aiuti alle famiglie delle forze dell’ordine, finanziamenti per il fondo per il contrasto della povertà educativa e il fondo contro la violenza sulle donne”, hanno sottolineato Crippa e Perilli.
RICCIONE, 88enne morta in casa con una ferita alla testa: il nipote confessa.  Ad allertare i militari è stato proprio lʼomicida, che ha confessato dopo un lungo interrogatorio. L’uomo, interrogato dai carabinieri, ha confessato l’omicidio. Durante un litigio avrebbe aggredito la nonna infilandole un dito in un occhio. L’anziana è caduta a terra riportando un trauma cranico fatale. La vittima era autosufficiente e viveva da sola nel suo appartamento. Le accuse per Alessio Berilli sono di omicidio volontario aggravato: ora si trova agli arresti detenuto in Ospedale nel reparto di Psichiatria.
BOBO CRAXI E IL FILM SUL PADRE: “Ho litigato con Amelio”. Inizialmente ho avuto uno scazzo con Amelio e la produzione, perché l’elemento romanzato prevale su quello politico. Mentre scorrevano le immagini mi dicevo continuamente ‘ma Bettino non parlava così’. Oppure mi arrabbiavo per certi fatti non veritieri”. Bobo Craxi parla così – in un’intervista ‘Repubblica’ – di ‘Hammamet’, il film di Gianni Amelio, che racconta l’ultima parte della vita del padre Bettino, interpretato da Pierfrancesco Favino. Poi riconosce: “C’è un elemento di libertà dell’artista che non può essere sindacato da nessuno. Credo che Amelio avesse in mente la stessa operazione che fece Carlo Lizzani sugli ultimi giorni di Mussolini. Ricordo che mio padre mi portò a vederlo, ero bambino, mi fece grande impressione perché si apre con l’immagine del vilipendio del cadavere del Duce”.
 

MIGRANTI, PAPA FRANCESCO: “No al gelo di indifferenza e disumanità”. Nuovo monito del Papa all’accoglienza. Bergoglio, in occasione dell’udienza generale in Aula Paolo VI, invita “ad essere sensibili ai tanti naufraghi della storia che approdano esausti sulle nostre coste, perché anche noi sappiamo accoglierli con quell’amore fraterno che viene dall’incontro con Gesù. È questo che salva dal gelo dell’indifferenza e della disumanità”. A questo proposito, Bergoglio rende omaggio all’accoglienza del popolo di Malta “i cui abitanti dimostrano una premurosa accoglienza. I maltesi sono accoglienti, sono un popolo buono”.

 

ROMA, RIFIUTI, Raggi tira dritto: “Roma capitale ha indicato sito discarica”.C’è stato un accordo tra Roma e la Regione all’interno del Piano dei rifiuti regionale che sta facendo l’iter nelle commissioni e arriverà presto in consiglio regionale. Nell’ambito di questo Piano, Roma capitale farà la sua parte. Il Piano prevede nuove discariche all’interno del territorio regionale tanto più che quella di Colleferro chiuderà a breve. Roma capitale ha indicato quello che dovrà essere il sito’’. Lo ha detto la sindaca di Roma Virginia Raggi, a margine di una conferenza stampa in Campidoglio, rispondendo ad una domanda sulla situazione dei rifiuti a Roma e sull’indicazione del sito per la discarica che in queste ore coinvolge Monte Carnevale nella Valle Galeria. ‘’Roma capitale – ha aggiunto la sindaca – sta lavorando al recupero dei rifiuti e sulla flotta dei mezzi, considerando che è ridotta e con mezzi vetusti. Nel mese di dicembre ne sono già arrivati una ventina. A partire da marzo dovrebbero arrivare 15 mezzi al mese fino a giugno. Stiamo attivando altri appalti per comprare i mezzi piccoli’’.

 

LO SMOG AVVOLGE IL NORD ITALIA: stop al traffico tra nebbia e sciopero trasporti. Una cappa di smog avvolge la pianura padana: tutta colpa dell’anticiclone che da giorni staziona sull’Italia, con poche speranze – stando alle previsioni meteo – che il quadro possa cambiare nel breve periodo. Al contrario, a metà settimana le nebbie potrebbero aggravare l’inquinamento. Scattano nuovi blocchi del traffico e limitazioni nel riscaldamento domestico e nelle attività agricole, previsti dall’accordo del Bacino padano per il miglioramento dell’aria, che coinvolge le regioni Piemonte, Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna.

 

TRENTA TRASLOCA, lasciato appartamento di Stato.L’ex ministra della Difesa Elisabetta Trenta ha lasciato l’appartamento, messo a disposizione dall’Esercito, a pochi passi dalla centrale San Giovanni a Roma. A riportare la notizia il quotidiano ‘La Verità’ spiegando che ieri mattina è avvenuto il trasloco dalla casa, per la quale l’ex ministra pentastellata era finita nei mesi scorsi al centro di polemiche. “Nell’ultimo annuncio social, che risale al 5 gennaio, giorno in cui ‘La Verità’ dedicava l’apertura del giornale al mancato trasloco, il ministro aveva fatto sapere che avrebbe lasciato l’appartamento che le era stato assegnato il 9 ma, forse per non trovarsi cronisti tra i piedi, ha deciso di anticipare al 7″, sottolinea il quotidiano. Riguardo ai ritardi nei tempi del trasferimento, il maggiore Claudio Passarelli, marito della Trenta, ha affermato ai cronisti, riporta ‘La Verità’, che “c’è stato un problema con la ditta adesso però è tutto risolto”. Ma, prosegue il quotidiano, dalla stessa ditta di traslochi si precisa che “siamo arrivati lì oggi perché ci è stato detto di arrivare lì oggi” e “non ci sono stati ritardi”. La coppia ha lasciato l’alloggio di servizio per fare ritorno nell’appartamento

 

FRANCIA, corpo di un bimbo in un carrello aereo da Costa d’Avorio. Dramma dell’immigrazione all’aeroporto parigino di Roissy-Charles De Gaulle, dove poco dopo le sei di questa mattina è stato scoperto il corpo di un bambino dall’apparente età di dieci anni nel carrello d’atterraggio di un aereo proveniente da Abidjan, capitale della Costa d’Avorio. Lo hanno riferito fonti inquirenti, citate da France Info. La compagnia aerea Air France ha confermato il ritrovamento del corpo senza vita di un “passeggero clandestino” a bordo del volo AF703, partito ieri sera dalla Costa d’Avorio. La compagnia ha parlato di un “dramma umano”, senza specificare l’età della vittima, e ha preannunciato un’inchiesta. Purtroppo non è la prima volta che un migrante muore cercando di arrivare in Europa, nascondendosi nel carrello di atterraggio di un aereo. Durante il viaggio in quota, la temperatura precipita a -50, rendendo impossibile la sopravvivenza. Lo scorso luglio il corpo di un uomo che si era nascosto nel carrello di un aereo proveniente da Nairobi è precipitato nel giardino di una casa londinese durante le fasi dell’atterraggio.

 

CANADA, sparatoria in centro a Ottawa: un morto e tre feriti gravi. È di un morto e tre feriti in Canada il bilancio della sparatoria avvenuta nel centro di Ottawa, dove intorno alle 7.30 locali gli agenti sono stati chiamati a intervenire su Gilmour Street, a circa un km dal Parlamento. Lo riferisce la polizia di Ottawa, aggiungendo che non si tratta di una situazione con un ‘active shooter’, cioè con un assalitore ancora attivo, ma che il sospetto non è stato arrestato ed è ancora ricercato a piede libero. La polizia è stata chiamata sulla scena del crimine con la segnalazione di molteplici colpi di pistola. Una volta sulla scena, gli agenti hanno trovato diverse persone ferite, che sono state trasportate in ospedale. Gilmour Street si trova in una zona residenziale, con alcuni uffici. Non è chiaro se la sparatoria sia avvenuta in una casa o in un ufficio. Sembra che abbia sparato una sola persona.

 

SANREMO 2020, dopo le polemiche via libera della Rai alla presenza di Rula Jebreal. Dietrofront della Rai che, dopo le polemiche, ha dato il via libera alla presenza di Rula Jebreal al Festival di Sanremo 2020. Nell’incontro tra l’amministratore delegato Fabrizio Salini, il direttore di Rai 1 Teresa De Santis e il direttore artistico e conduttore Amadeus, è stata approvata la presenza come ospite per una sera della giornalista palestinese naturalizzata italiana. La Jebreal interverrà con un monologo sulle donne vittime di violenze. Dopo l’invito ricevuto da Amadues, c’era stata una marcia indietro. Era stata la stessa Jebreal a rivelarlo. “Evidentemente qualcuno si è spaventato che venisse offerta una ribalta a italiani nuovi, a persone diverse come me che appartengono a un’Italia inclusiva, tollerante, aperta al mondo, impegnata in missioni di dialogo e di pace”, aveva sottolineato in un’intervista. “L’ultimo dei miei problemi – aveva poi aggiunto – è dire sì a tizia e caia, se invitassero me direi: ‘no grazie non ci azzecco nulla’. Invitino questa signora o un’altra, facessero come credono, tanto gli italiani sul controllo dell’immigrazione hanno le idee chiare, poi a Sanremo possono fare un comizio Renzi, Saviano o Bertinotti non è che gli italiani cambiano idea”.