LE DISCUSSIONI SU TWITTER DELLA SINISTRA RADICALE SULL’EUROPA CATTIVA

DI PAOLO SINIGAGLIA

Mi è capitato di iniziare a discutere su twitter con un tipo di sinistra radicale della notizia dei crolli in una materna e in una scuola superiore. Ho commentato: “Avete voluto tagliare le Province? Questo è uno dei risultati.” Pensavo di avere una sponda e invece no: il discorso è immediatamente arrivato all’Europa cattiva che impedisce (non si capisce come) al paese di avere soldi per la manutenzione.
La cosa più inquietante, mentre come al solito spiegavo che l’UE non c’entra niente e ci dice solo di non fare troppo debito, è che sono arrivate schiere di “bandierini”, truppe di estrema destra a dar man forte al tipo con le solite bufale sull’Europa che affama i bambini in Grecia, che è formata da lobby di banchieri, che serve solo all’egemonia franco-tedesca e così via. (Tra parentesi: un giorno o l’altro dovremmo riflettere sui media mainstream che mantengono in rete notizie-bufale usate come clave contro qualsiasi discorso razionale sull’Europa).
Insomma le estreme si toccano, come si dice: le sciocchezze della sinistra radicale incapace di ragionare di bilanci, che pretende soldi gratis stampati dalla Banca Centrale portano inevitabilmente all’estrema destra che urla di “genocidi commessi contro i cittadini” da parte dell’UE.
Cambiate strada cari compagni: questo ruolo da quinta colonna dei nazionalisti non vi fa onore.