LE NOTIZIE DEL GIORNO 19 gennaio 2020

DI MARINA POMANTE

Le notizie del giorno 19 gennaio 2020

CONFERENZA LIBIA, Di Maio: Ue parli con una voce sola.  Prima Bilaterale con Turchia. Arrivati a Berlino Serraj e Haftar

Ecco i 6 punti della Conferenza

1.Mantenere il cessate il fuoco
Tutte le parti coinvolte nel conflitto devono mettere fine alle ostilità e sul lungo termine devono arrivare a una cessazione globale delle ostilità comprese quelle con l’uso dell’aviazione sul territorio libico. Sarà l’Onu a verificare il rispetto della tregua. Fermare tutti i movimenti delle truppe delle parti in conflitto e delle forze che le appoggiano su tutto il territorio libico dall’inizio del cessate il fuoco.

2. Embargo sulle armi
Si prevede l’impegno a rispettare l’embargo sulle armi imposto dalla risoluzione Onu 1970-2011, nonché le successive risoluzioni del Consiglio di Sicurezza e si chiede a quest’ultimo di varare le dovute sanzioni a chi viola l’accordo del cessate il fuoco.

3. Riavviare il processo politico
Sarà sotto l’egida della Missione di sostegno delle Nazioni Unite in Libia (Unsmil). Si chiede l’istituzione di un Consiglio presidenziale funzionante e la formazione di un governo libico unico, unito, inclusivo ed efficace approvato dalla Camera dei rappresentanti della Libia. Si invitano le parti in conflitto a tenere elezioni parlamentari e presidenziali libere e indipendenti. Si chiede al Consiglio di Sicurezza dell’Onu, all’Unione Africana, alla Ue e alla Lega araba di agire contro coloro che ostacolano il processo politico.

4. Ripristinare il controllo dello Stato sull’esercito
Si chiede una riforma del settore della sicurezza in Libia con il ripristino del monopolio dello Stato all’uso legittimo della forza. Forze armate, forze di sicurezza e polizia dovranno essere subordinate alle autorità civili centrali sulla base dei colloqui svolti in precedenza al Cairo e dei documenti adottati sulla base degli stessi colloqui.

5. Riforme economiche strutturali
Per facilitarle si propone la creazione di una Commissione di economisti sulla Libia al fine di lanciare un meccanismo che garantisca la ripresa di tutti i settori dell’economia che si trovano sotto il controllo del nuovo governo di accordo nazionale.

6. Rispetto dei diritti umani
Si sollecitano tutte le parti in Libia a rispettare pienamente il diritto internazionale umanitario e i diritti umani, a proteggere i civili e le infrastrutture civili. Si invita a migliorare il lavoro della magistratura e a mettere fine alla pratica delle detenzioni illegali, a chiudere gradualmente i centri di detenzione per migranti e richiedenti asilo, allineando la base della legislazione libica in materia di immigrazione e asilo a quanto previsto dal diritto internazionale.

 

GREGORETTI, domani il voto in giunta. Ieri è stato il trionfo della tattica. Per la strategia e i ragionamenti non è il momento. Il centrodestra ha forzato la mano per ottenere il voto nella giunta delle immunità prima delle elezioni in Emilia e Calabria, coinvolgendo anche la presidente del Senato, Casellati. Per tutta risposta, la maggioranza giallorossa diserterà la riunione di lunedì pomeriggio, rinviando il redde rationem sulla richiesta di processare Salvini all’aula, a febbraio. Il primo, sapendo che i suoi avversari sono contro di lui a prescindere, voleva passare per martire, i secondi non avevano alcuna intenzione di regalare quest’arma propagandistica al leader della Lega nell’ultimo scorcio di una campagna elettorale decisiva.

 

FISCO Mef confermata tassa su ombra su locali pubblici 2021. Smentita su case private

 

SARDINE di Bibbiano Questura da’ la piazza alla Lega.
Matteo Salvini e la Lega “vincono” il braccio di ferro sulla piazza del municipio della cittadina in provincia di Reggio Emilia, noto per l’inchiesta “Angeli e Demoni”: la questura ha confermato la disponibilità al Carroccio, dal momento che gli spazi pubblici in campagna elettorale spettano prima ai partiti in corsa per il voto alle prossime elezioni regionali, in programma domenica 26 gennaio. Alle Sardine verrà concessa per lo stesso giorno un altro luogo della cittadina reggiana, piazza Libero Grassi.
Ieri i responsabili del movimento avevano rivolto un appello a Salvini, chiedendogli di annullare il comizio per evitare di strumentalizzare politicamente il caso giudiziario: “Chiediamo il primo gesto di civiltà da parte della Lega in questa campagna elettorale. Lasciamo stare Bibbiano e parliamo di contenuti”. Invito non raccolto dal leader della Lega.


Oggi le Sardine saranno in piazza a Bologna. Sartori: ” sarà la nostra svolta politica. Per la manifestazione sono attese circa 30mila persone.

 

CASAPOUND Un drappo con scritto ‘Più che sardine siete dei fagiani’ affisso in una delle vie del centro di Bologna, non lontano da Piazza VIII agosto dove oggi si tiene la grande manifestazione organizzate dalla sardine che tornano nella città dove la loro ‘avventura’ cominciò lo scorso novembre. Ad appenderlo gli attivisti di Casapound “Con questo striscione – scrivono in una nota – vogliamo solo far capire, in maniera goliardica com’è nostro stile, che se scendete in piazza protestando contro il clima d’odio del ‘nuovo fascismo’ in una città che sta diventando sempre più invivibile a causa di sinistra e immigrazione, non siete delle sardine… ma siete dei bei fagiani!”.
20 ANNI FA MORIVA BETTINO CRAXI, le celebrazioni ufficiali ad Hammamet dove morì.

 

NAPOLI: baby gang aggredisce polizia con petardi alla festa del Santo

“Cinque agenti di polizia costretti a indietreggiare e difendersi con gli scudi da oggetti e petardi lanciati nella loro direzione da ragazzini inferociti e invasati nell’indifferenza degli adulti, alcuni addirittura sorridenti di fronte a una scena allarmante e raccapricciante al tempo stesso”. E’ quanto denuncia su Facebook da Francesco Emilio Borrelli, consigliere campano dei Verdi. I fatti sono avvenuti a Napoli, nel Borgo Sant’Antonio Abate.

 

BRIANZA,  ieri una giovane capotreno  è stata aggredita a pugni tra l’indifferenza della gente

 

 

MILANO, guerra al fumo. Divieto a fermate di tram e bus. Il divieto all’aperto scatterà nel 2023

 

ROMA, domenica ecologica, stop alle auto dalke 7,30 alle 12,30 e dalle 16,30 alle 20,30

 

 

BORSELLINO, oggi avrebbe compiuto 80 anni

 

LIBANO, proteste a Beirut. Sono 400 i feriti nei durissimi scontri di ieri a Beirut tra manifestanti e forze dell’ordine durante una manifestazione contro il governo. Lo riferiscono fonti mediche.

 

 

CINA, altri 17 casi del virus misterioso, tre in gravi condizioni. Aumentando le paure in vista delle vacanze del Capodanno lunare quando centinaia di milioni di persone si sposteranno all’interno del Paese.
    Il virus – un nuovo ceppo di coronavirus che gli umani possono contrarre – sta causando allarme per la sua connessione con la Sindrome respiratoria acuta grave (Sars), che ha ucciso quasi 650 persone in Cina e a Hong Kong nel 2002-2003.
 Dei 17 nuovi casi nella città centrale di Wuhan – ritenuta l’epicentro dell’epidemia – tre sono descritti come “gravi”. Il virus ha infettato in tutto 62 persone a Wuhan, di cui otto in gravi condizioni, 19 guarite e dimesse dall’ospedale e il resto ancora in isolamento a ricevere cure. Due persone sono morte finora a causa del virus.
   

YEMEN 70 militari uccisi in un attacco contro una moschea nella provincia centrale di Marib. L’attacco missilistico è stato perpetrato dai ribelli Houti contro una moschea nella provincia di Marib, Yemen centrale. Lo riferiscono fonti mediche e militari.
Secondo l’agenzia ufficiale Saba: il presidente yemenita Abd Rabbo Mansour Hadi ha accusato gli Houti e condannato l’attacco definendolo “codardo e terroristico”.

HONG KONG migliaia di persone a Charter garden per continuare a chiedere democrazia

 

BUCKINGHAM PALACE Harry e Meghan non più ‘altezze reali’

 

MORTE ANASTASI, Il figlio: “aveva la Sla e ha scelto la sedazione assistita”. Lunedì i funerali. Chi era, di  Umberto Siniscalchi

 

SANREMO, tutti contro Cally. Il rapper: ‘Arte è libertà’. Foa:’Cally scelta eticamente inaccettabile. Amadeus riporti il festival nella giusta dimensione’. Di Luca Martini

 

CALCIO SERIE A

Milan – Udinese 3 – 2

Lecce – Inter 2 -1 

Brescia – Cagliari 2 – 2 

Bologna – Verona 1 – 1 

Genoa – Roma 1 – 3 

Juventus – Parma 2 – 1

Atalanta – Spal domani alle 20,45