ENNESIMA FAKE NEWS DELLA ESTREMA DESTRA

DI EMILIANO RUBBI

“Sostenitrice Borgonzoni: pestata a sangue da ‘sardine’ perché leghista”

A Brescia.

Voi a questo punto, probabilmente, vi starete chiedendo: “che cazzo ci faceva una fan della Borgonzoni a Brescia, che l’ultima volta che ho controllato stava in Lombardia?”
Niente, appunto.
Non c’è stato nessun pestaggio, infatti.

Ma la notizia è stata lanciata e fatta circolare da diversi siti e pagine bufalare di estrema destra, ad esempio voxnews.
Nella storia, raccontata in prima persona da una quindicenne immaginaria, lei sta tornando a casa in compagnia di alcuni amici e indovinate chi si trova davanti?
Esatto: due tizi con i dreadlocks (loro ovviamente scrivono “i rasta”, ma non stiamo a sottilizzare), che avvisano al telefono i loro amici dei CENTRI SOCIALI, che accorrono sul posto e li picchiano.

Questo perché i due fattoni coi dread li avevano sentiti parlare tra loro, mentre si compiacevano dei “successi della Bergonzoni”.

Cioè: ve la immaginate la scena?

Brescia.
DEI QUINDICENNI passeggiano, rallegrandosi ad alta voce PER I SUCCESSI DELLA BORGONZONI (???).
Cioè: gli emiliano romagnoli a malapena sanno chi sia, i leghisti sono convinti di dover votare per Salvini, ma tra i quindicenni bresciani la Borgonzoni tira più di Sferaebbasta.

A questo punto arrivano gli zozzoni puzzolenti dei centri sociali coi dread, un pugno di Black Block e tutti insieme picchiano la fan della Borgonzoni.
Mancava solo la Boldrini con la mazza chiodata in mano e facevano en plein.

In tutto ciò, però, non si vede che ruolo abbiano le sardine del titolo.
Suppongo che tutti i tipi del centro sociale immaginario fossero pure sardine immaginarie, ma nel racconto non è specificato.

Poi, per rendere più credibile il tutto, gli amici fascioleghisti, allegano un referto dell’ospedale che attesta il pestaggio.
Purtroppo, però, il certificato in questione è quello di un tredicenne di Avellino che era stato picchiato a scuola nel 2019.

Cioè: questi sono talmente stupidi da non essere in grado di inventare una storia plausibile neanche inventandola completamente.
Non sono neanche in grado di cancellare un nome con Photoshop, Cristo.

Questo è un perfetto esempio di come funzionino le campagne dell’estrema destra leghista.
E la bufala è stata condivisa da centinaia di persone.

Davvero non vi vergognate di supportare questi miserabili, patetici, ridicoli cialtroni?