MUORE ABBANDONATA L’EX MOGLIE DI UMBERTO TOZZI

DI CLAUDIA SABA

Lavorava come collaboratrice scolastica all’Educandato Uccellis di Udine. Ma da giorni, dopo le feste natalizie, nessuno aveva più notizie di lei.
Così qualcuno ha allertato le forze dell’ordine.
E venerdì scorso, Serafina Scialò, 63 anni, ex moglie di Umberto Tozzi, è stata ritrovata morta nel suo appartamento dai carabinieri del Nucleo operativo di Udine.
Dai primi accertamenti Serafina Scialò sarebbe morta per cause naturali.
La storia d’amore tra Umberto Tozzi e Serafina Scialò era iniziata negli anni ‘70. I due si erano poi sposati nel 1979 e cinque anni dopo era nato il loro unico figlio, Nicola.
Fu lei che ispirò all’artista, canzoni come “Donna amante mia”, “Tu”, “Gloria”, “Amo”.
Il loro fu un grande amore a cui seguì una drammatica separazione, avvenuta nel 1984.
Padre e figlio non riuscirono mai ad incontrarsi regolarmente come invece concordato in sede di giudizio. Tozzi era convinto che la sua ex moglie lo avesse deliberatamente allontanato dal figlio, demolendo sistematicamente la sua figura di padre.
“È una fine molto triste, ha commentato Riccardo Fogli amico di Tozzi. Essere moglie di una star e guadagnarsi da vivere facendo le pulizie in una scuola. Morire da soli così… Mi spiace per Umberto che è una persona buona e sensibile e un caro amico. La Scialò è stata un pezzo importante della sua vita di uomo e di artista”.