SULLA GIUSTIZIA SONO STATI FATTI PASSI AVANTI MA ORA SERVE UNA RIFORMA CONDIVISA

DI PIETRO GRASSO

Sulla giustizia sono stati fatti passi importanti in questi mesi, ma ora non è più rinviabile una riforma condivisa, equilibrata, ragionevole e risolutiva, senza strumentalizzazioni politiche.
L’ho detto oggi al Ministro Bonafede.

Serve, ad esempio: ridurre il numero e i tempi dei processi; destinare più risorse umane, strumentali e finanziarie al funzionamento della giustizia; occuparci delle carceri; intervenire sull’ergastolo ostativo senza mettere in discussione la sua funzione per i mafiosi; potenziare la cooperazione tra stati nella lotta alla criminalità organizzata transnazionale; risolvere il nodo della prescrizione con equilibrio e bilanciamento.

Ho passato parte importante della mia vita lavorando come magistrato e so quanto la richiesta di giustizia e verità, da un lato, e il timore di affrontare la macchina della giustizia, dall’altro, incidano in modo violento sia sulle vittime che sugli imputati, sia sugli innocenti che sui colpevoli.
È il momento di mettersi all’opera nell’interesse dei cittadini. Le mie proposte ci sono.