CON LA VITTORIA DI DIODATO CALA IL SIPARIO SU SANREMO2020 MA NON LA PAROLA FINE

DI CHIARA FARIGU


E’ un po’ come quando, dopo le scorpacciate natalizie, diciamo finalmente è finita! Anche per quest’anno è andata! E’ questa la sensazione che si prova oggi dopo la maratona sanremese. Cinque lunghe serate dove abbiamo visto (e sentito) di tutto e di più. Canzoni, monologhi, siparietti comici e gaffe spontanee o costruite ad arte, poco importa. Perché a Sanremo tutto fa brodo. Compreso l’abbandono di chi è in gara ‘purché se ne parli’.

Ieri intorno alle 2, minuto prima minuto dopo, Amadeus legge la classifica stilata dalla giuria demoscopica (33%), dalla sala stampa (33%) e dal televoto (34%), i cui voti si sono aggiunti a quelli delle serate precedenti.
Saranno ancora i voti delle 2 giurie più il televoto a decretare i tre vincitori: Diodato con ‘Fai rumore’ seguito da Francesco Gabbani con ‘Vicerversa’ e i Pinguini Tattici Nucleati, al terzo posto con ‘Ringo Starr’.

Vittoria scontata. Diodato e Gabbani erano i papabili alla vittoria fin dalla prima serata. Era solo questione di posizione. Non scontato invece il terzo posto dei Pinguini che, a sorpresa, hanno scippato la vittoria a Le Vibrazioni, finiti al 4° posto.

Antonio Diodato, 38 anni, nativo di Aosta ma originario pugliese, ha fatto incetta di riconoscimenti. A lui sono andati anche il premio Lucio Dalla della sala stampa e quello Mia Martini della critica.
Fai rumore è un testo intenso, narra la fine di un amore, forse il suo con Levante (anche lei in gara al festival), alla quale il brano sarebbe dedicato.

Francesco Gabbani si aggiudica, oltre al secondo posto, anche il riconoscimento Tim Music, Viceversa è la canzone più ascoltata e scaricata.

Piero Pelù e Tosca, altri due concorrenti dati tra i favoriti, si sono posizionati al 5° e 6° posto, mentre Achille Lauro, che ha tenuto la scena più coi suoi costumi che con il brano è finito al 6° posto.

I veri vincitori sono però loro: Amadeus e Fiorello. Il primo, galante padrone di casa sempre perfettamente a suo agio sul palco e con gli ospiti, il secondo, con una verve comica incontenibile e ineguagliabile, si conferma il miglior showman attualmente sulla piazza. Ama e Fiore, un duo vincente. In questo festival da record di ascolti, sul quale oggi cala il sipario. Ma non certo la parola fine