CRONACHE DA CORTILE

DI GIANFRANCO MICALI

 

Eh, sì, sto decisamente invecchiando… Mi affaccio sulla pagina di Repubblica it. E i primi titoli che scorgo, subito dopo l’editoriale di Ezio Mauro intitolato ermeticamente “Anatomia di un governo orfano”, il commento di Ilvo Diamante “La lega divisa tra il Nord e il capo”, sono, come tre colpi di mitraglia la Aspesi che si rammarica “Perché mi pento di non aver visto Sanremo”, l’illuminate scoperta su chi è Beatrice Antolini la direttrice polistrumentista sul podio al Festival “Da Vasco ad Achille Lauro” , fino allo stilista che dichiara “Vestire Achille Lauro è stato come piazzare una bomba all’Ariston”.
Una volta queste scelte giornalistiche appartenevano in esclusiva a Stop e Novella 2000, inseguiti poi da Oggi e Gente e superati da Eva tremila, Nuovo e ancora Di più….
Mentre nel mondo in ebollizione succede di tutto, credere di riconquistare lettori raccontando quel che succede nel proprio cortile di casa, è come tornare al tempo del ciclostile o del passaparola pettegoliero nel quartiere.