MARCO GIACOSA

36 articoli

DI MARCO GIACOSA Convengo, sembra più un frigo bar. Però lei non è Schiscetta Effettiva, lei è SST, Schiscetta Sostituta Temporanea. C’è tutta una storia, andata così. Quando qualche mese fa la borsa di carta resistente, con il fondo piatto, che accoglieva i miei tupperware più banana, ha manifestato i preoccupanti segni di un imminente cedimento strutturale, attorno a me […]

DI MARCO GIACOSA Ho di nuovo dimenticato la schiscetta. Stavolta non in metro, ma ai piedi di una delle casse del Tff. Me ne accorgo quando sono fuori da una ventina di minuti, …da un’altra parte, «Cazzo, la schiscetta!», mi sono messo a camminare veloce, corricchiare. Arrivo al cinema, guardo da fuori, attraverso i vetri, abbasso il collo, la cerco […]

DI MARCO GIACOSA Da un tabaccaio, una ragazza entra e chiede un pacchetto di sigarette. Il tabaccaio chiede se ha diciott’anni, lei si schermisce, dice Oddio, sì – e il tabaccaio continua a parlare, per occupare i secondi che la ragazza impiega a cercare la carta di identità, per allontanare l’imbarazzo. Perché lui vuole davvero vederlo, il documento, prima di […]

DI MARCO GIACOSA Storia della mia schiscetta (baracchino, lunchbox) dimenticata ieri su un vagone della metro di Torino, direzione Lingotto. Come è andata a finire. Nessuno l’ha… degnata, è rimasta lì, sul ripiano dell’ultimo posto del treno, dove l’avevo messa, pensavo con amore. A fine turno, la guardia passa e la vede. È passata mezzanotte, ha sonno, e poi basta […]

DI MARCO GIACOSA Nel viaggio intercontinentale dal JFK a Malpensa è successa una cosa che immagino non sia infrequente: un passeggero ha imbarcato la valigia, poi non si è presentato al gate. Nel mondo pratico, la cosa ha prodotto un semplice ritardo: per motivi di sicurezza è stata tolta la valigia di quell’uomo o di quella donna, e l’aereo, un’ora […]

DI MARCO GIACOSA Affinità e divergenze tra quanto pensavo e quanto ho visto il giorno cinque a Manhattan. Nei negozi si entra (e si esce) all’opposto rispetto all’Italia: per entrare, tiri; per uscire, spingi. Ebbene: lo sai, c ‘è scritto sulla porta, ci fai attenzione, sono ormai quattro giorni che sei qui, eppure ogni volta sbagli e ti trovi come […]

DI MARCO GIACOSA Affinità e divergenze tra quanto pensavo e quanto ho visto il giorno quattro a Manhattan. A Manhattan hanno molto rispetto per le file: alla cassa, per la toilette, ovunque. Stanno almeno a due metri da quello che paga, o dalla porta del bagno. Le code sono ordinate e lineari, quanto di più lontano dall’ammasso di corpi che […]

DI MARCO GIACOSA Affinità e divergenze tra quanto pensavo e quanto ho visto nei primi tre giorni a Manhattan. A Manhattan i pedoni se ne fottono se il semaforo è rosso: se le auto sono lontane, passano; se sono vicine, passano lo stesso; se sono imbottigliate, cosa che succede praticamente sempre, i pedoni fanno lo slalom. Gli unici che seguono […]

DI MARCO GIACOSA Anni fa, al loro spuntare, i blog furono manna per gli scriventi compulsivi, migliaia di narratori amatoriali avevano finalmente trovato il loro pezzo di mondo.… Mi colpiva una frase che molto spesso veniva riportata sotto le intestazioni: QUESTO BLOG RACCONTA FATTI REALMENTE ACCADUTI, o STORIE VERE, o qualcosa del genere. Mi sono sempre chiesto: dovrebbe essere un […]

DI MARCO GIACOSA Oggetto: cani. Obiettivo: riflettere (magari (sor)ridendo). L’obiettivo fallisce se ci si scanna (no guerre di bandiera). Nei bar dove sono abituale i cani sono molto amati. Invero anche nei bar, ho l’impressione, dove non sono abituale. Scena tipo 1. Vado a fare la spesa, sia al super che dal verduriere, talvolta dal macellaio, passo al bar, lascio […]

DI MARCO GIACOSA [Un po’ più a freddo] Il film è bello, imperdibile per cinefili e appassionati di Fenoglio. Fulvia è perfetta, ha la bellezza non assoluta di Valentina Bellè, che ne riprende il fare civettuolo così naturale, magistralmente raccontato nel libro. Le prime venti pagine di Una questione privata – la narrazione in flash back dell’innamoramento di Milton per […]

DI MARCO GIACOSA Questa mattina, in metropolitana, c’era un gruppetto di tre uomini. – Una volta, un mio amico, viaggiava verso l’Iveco, nella zona lungo Stura, era in macchina, davanti aveva un’Ape che gli taglia la strada, dice Minchia-fèrmati, e l’Ape si ferma, il mio amico scende, va verso l’Ape, c’era uno là tutto rannicchiato, minchia quando si alza una […]

DI MARCO GIACOSA Questa mattina in metropolitana una donna legge la free press e dice: «Ma parliamo ancora di Asia Argento? Prima non se la filava nessuno. Sei partita, sei andata in America, ti sei fatta spolverare per avere successo, quando il mondo è pieno di donne che hanno detto no e sono pezza da piede. Bastava uscire da quell’ufficio, […]

DI MARCO GIACOSA A Vercelli un arbitro d’esperienza ha mollato il campo – dirigeva una partita del campionato amatoriale CSI – e se ne è andato: «Basta, non gioco più». È il mio idolo del giorno. Moltissimi anni fa al mio paese si giocava un torneo di calcio a 5, di quelli dove vinci un salame e una bottiglia di […]

DI MARCO GIACOSA   https://www.alganews.it Verso la fine di luglio, una sera, collegandomi a Facebook dal telefonino, ricevo un messaggio: ti devi disconnettere e rientrare. Può capitare. Eseguo. Appena inserisco la password ricevo un altro messaggio: Abbiamo rimosso un post perché violava gli standard della comunità, e ti sospendiamo per un giorno. Leggo il post, a me non sembra offensivo: […]

DI MARCO GIACOSA L’altro giorno al bar ho cioccato con una signora. Berciava “A casa miaaaa”, “A casa miaaaa”, riferito a “loro”, i migranti, gli stranieri, che vengono “a casa …sua”, e io ho pensato che eravamo al bar e lei mi stava rompendo i coglioni con le sue urla sconclusionate, le ho detto che non eravamo a casa sua […]

DI MARCO GIACOSA È una sera dell’estate 1992, Jovanotti canta «l’anno dell’Europa unita delle mie delle tue vacanze», in via Cigna una ragazza di nome Valeria esce per un gelato…. Nel bar c’è un ragazzo che si chiama Gianni, sono le ventitré e sta chiudendo, ha già messo via i pozzetti, vede Valeria e subito li riprende. Chiacchierano. Dove vai […]

DI MARCO GIACOSA Qualche anno fa me ne stavo a un chiosco del Valentino con un libro e un frullato, quando arrivò nei pressi un barbone. Parlava da solo, sottovoce, sussurrava parole incomprensibili, poi d’improvviso urlava, si diceva le peggiori cose, spesso insulti, mi colpiva, più delle parole, la cattiveria con cui gridava a sé stesso. Si avvicinò a un […]

DI MARCO GIACOSA https://alganews.wordpress.com/ Un’associazione di amici del tabaccaio ucciso da Igor il Russo ha offerto 50mila euro a chiunque fornisca informazioni utili alla cattura. In sostanza, una taglia. «Speriamo che qualcuno se lo venda», ha detto a SkyTg24 il presidente di questo gruppo di amici. Ha detto che hanno preparato «il bando» negli ultimi mesi, di concerto con gli […]