GLI ITALIANI TEMONO LA PATRIMONIALE E IL DIVIETO DI PAGARE IN CONTANTI

DI FERNANDO CANCEDDA

L’esercito di evasori fiscali che tiene in stato di soggezione l’economia italiana se ne frega della rituale dichiarazione di lotta da parte dei partiti al governo se, come quasi sempre accade, non è accompagnata da una politica fiscale coerente. Oggi temono soltanto due misure da parte dello Stato: l’imposta patrimoniale e il divieto di pagare in contanti oltre una soglia più elevata di quella in vigore. Gradirebbero invece tantissimo l’ennesimo condono che consenta di riportare gratis o quasi i milioni che hanno nascosto nei paradisi fiscali. Se Salvini e il governo li accontentano sappiamo anche da che parte stanno.